lunedì 15 maggio 2017

ORANGE, MELON AND GINGER GAZPACHO




Zuppe, vellutate, parenti ed affini?
Piacciono tutte senza remore.
Se poi vanno servite fredde e non necessitano di alcuna cottura ancora meglio, visti i quarantacinque gradi del mio deserto in questo momento!
Un gazpacho che utilizzasse anche la frutta l'ho già assaggiato ed anche preparato, ma mai uno che non prevedesse pomodori per nulla.
Leggendo gli ingredienti ero certa che avrebbe incontrato i miei gusti e molto probabilmente quelli dei miei ospiti.
Di sesso femminile, sicuro.
Gli altri non so bene.
L'augusto consorte l'ha definito buono, ovviamente non è il suo genere, in piccole dosi.
E ha chiosato che è più un piatto per signorine.
Sarà, ma le signore presenti non si sono lamentate ;)




ORANGE, MELON AND GINGER GAZPACHO
per 4 porzioni

500 g circa di melone giallo
un grosso cetriolo sbucciato, tagliato per il lungo e privato dei semi
un pezzetto di zenzero fresco
un quarto di un peperone rosso tagliato grossolanamente
2 cipollotti, solo la parte bianca
succo e buccia finemente grattugiata di un lime
il succo di un'arancia oppure di due mandarini
mezzo cucchiaino di aceto bianco
sale

per servire
un piccolo mazzetto di menta, coriandolo, o basilico (solo le foglie)
50 ml di olio d'oliva
spicchi di lime

Mettere tutti gli ingredienti (tranne olio, erbe aromatiche e spicchi di lime) nel frullatore con un generoso pizzico di sale e far andare le lame, meglio se a scatti, finchè il tutto risulta omogeneo.
Versare quindi in un contenitore e far riposare in frigo fino al momento di servire.
Frullare quindi le erbe con l'olio ed un ulteriore generoso pizzico di sale quindi usare l'olio aromatico per condire con parsimonia il gazpacho, con qualche spicchio di lime di lato.


NOTE

- state pensando che questa è una non-ricetta: verissimo. Butti tutto nel frullatore e viene? Esattamente. Addirittura se nemmeno il tempo di riposo si vuole rispettare l'autrice suggerisce di utilizzare ingredienti ben freddi ed eventualmente unire uno o due cubetti di ghiaccio. Non ho mai provato avendo, entrambe le volte in cui l'ho preparato, fatto con largo anticipo.


- un gazpacho con la frutta può essere un piatto ottimo o scadere nella famiglia dei frullati se non lo si condisce bene. Il sale si deve sentire,  così come avrei addirittura unito più aceto anche se in effetti è risultato fresco e delicato. Gli agrumi, specialmente il lime, assolutamente indispensabili per conferire freschezza e rendere il piatto meno banale.

- l'autrice dice che basta per quattro porzioni. Verissimo, ma in dosi molto generose. Essendo più uno starter che un piatto principale qui è stato servito con più moderazione.

- semplicissimo, sapore molto buono, fresco ed adatto alla bella stagione che sta arrivando da voi ed a quella perenne da me. E' quindi

PROMOSSA




15 commenti:

  1. Avevo adocchiato questa ricetta, attratta proprio dalla sua freschezza, e sono felice di vedere che tu la promuovi: intendo assolutamente provarla!
    Su una cosa non sono d'accordo con l'autrice: quella di servirla immediatamente, magari usando ingredienti già molto freddi e con ghiaccio: il punto di forza del gazpacho è l'amalgama dei sapori, quindi concordo con te sul largo anticipo nella preparazione: io preferisco sempre prepararlo la sera prima, ma un minimo di 2 ore sono secondo me indispensabili.

    Per signorine? Forse, ma di sicuro è un ottimo starter!

    Grazie Stefania!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo: d'altronde lei pone la cosa come una specie di salvataggio da ultimo minuto in caso non si sia avuto tempo di prepararlo prima, immagino sarà meno saporito ed amalgamato.
      Provalo perchè sono certa ti piacerà!

      Elimina
  2. Vedo e prevedo...preparazione per quando il caldo arriverà, perchè arriverà vero?
    Scherzi a parte, sono tutti prodotti reperibili tranquillamente, quindi niente scuse.
    In effetti lo vedo un piatto "per donne", non credo che gli uomini di famiglia apprezzarebbero...peccato per loro ;-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie al peperone, il cipollotto e gli agrumi ovviamente la dolcezza del melone è un po'smorzata e direi che in piccole quantità si può propinare anche agli uomini ;)

      Elimina
  3. Se avessi trovato il lime bio lo avrei già preparato oggi, ha un aspetto delizioso e sono sicura che a me piacerà ... il marito vabbè un assaggio ��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con te sono sicura...con lui, dagliene poco :D

      Elimina
    2. :DDDDDDD vai a sapere poi magari gli piace ;)

      Elimina
  4. Beh, in effetto l'abbinamento della frutta, in particolare di quella frutta a me starebbe benissimo ma non sono d'accordo che sia un piatto per signorine, piuttosto per palati curiosi e senza pregiudizi. A me l'idea piace moltissimo, anche da usare in bicchierini minuscoli, tipo shottini in una bella tavola di finger, su un buffet di piena estate.
    GRazie per averla provata. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, è semplicemente un piatto buonissimo e il giudizio è stato dato da maschio avvezzo a addentare salami tipo banana, immagina tu...

      Elimina
  5. Va fatto,grazie per la ricetta.

    RispondiElimina
  6. Qui ci viviamo,di zuppe fredde e veloci,per motivi che neanche sto a dire. E il gazpacho è transgender :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Risponde che il gazpacho tradizionale è transgender, non questo :D ma fallo che ti piace sicuramente...visto il clima che abbiamo abbastanza in comune.

      Elimina
  7. Stefi, sarei curiosa di vedere la reazione di mio marito alla prova assaggio di questa ricetta... E' anche lui un: "...maschio avvezzo a addentare salami tipo banana..." :)))
    Io so già che amerò questo gazpacho!

    RispondiElimina